Provincia di Cosenza - Portale- FAQ risposte alle domande frequenti

Cosenza - La Provincia per voi

Vai al contenuto

Sei in: Home > Urp > FAQ

Contatti e disponibilità

Contattaci telefonando allo
0984-74063 - N. Verde 800013103
Oppure invia un fax allo
0984-814624
Piazza XV Marzo
87100 COSENZA
Siamo aperti di mattina
tutti i giorni dalle 9.00 alle 13.00
pomeriggio il lunedì e giovedì
dalle 15:00 alle 16:30

Contenuto Pricipale della Pagina

FAQ risposte alle domande frequenti

Le risposte dell'urp

Le piu lette | Aree tematiche |
termini contenuti

In questa sezione troverete risposta alle domande più frequenti che vengono rivolte al nostro ufficio. Le risposte alle varie domande che provengono ai nostri uffici verranno pubblicate perodicamente.

 

Le risposte più lette

 
  • letture: 160
    dalla sezione: POZZI NERI E POZZI AD USO DOMESTICO

    Autorizzazione comunale, previo parere sanitario dell’A.S.

  • letture: 157
    dalla sezione: ETERNIT

    Il Servizio di assistenza e controllo è demandato ad ASL e Comuni. Per la rimozione e la sostituzione ci si deve rivolgere a ditte specializzate.

  • letture: 154
    dalla sezione: POZZI NERI E POZZI AD USO DOMESTICO

    Debbono munirsi di pozzo nero tutti coloro che non sono allacciati alla rete fognaria.

  • Le autorizzazioni paesaggistiche e il nulla osta ambientale sono la stessa cosa.
    Si tratta di pareri propedeutici, vincolanti per il rilascio del permesso a costruire da parte del Comune.
    La Provincia di Cosenza rilascia autorizzazioni paesaggistiche per quelle costruzioni che ricadono nelle zone sottoposte a tutela ambientale secondo le competenze derivanti dalla Legge Reg.le n. 14 del 24 novembre 2006.
    È il Comune che dà notizia delle zone sottoposte a vincolo. Esistono due tipi di procedimenti:
    1. Quelli ordinari per le nuove costruzioni ed eventuali ampliamenti;
    2. Quelli in sanatoria, solo per opere sottoposte a condono edilizio, con esclusione delle sanatorie che seguono l’iter della legge 308/2004.
     

  • Attualmente in Italia sono due le vie utilizzate nel caso in cui ci si trovi di fronte ad un caso di eternit rovinato: l’incapsulamento o la rimozione con lo smaltimento.
    Nel primo caso si tratta di una soluzione non definitiva in quanto l’eternit non viene rimosso in alcun modo, bensì vengono utilizzati degli agenti chimici (vernici, poliuretano espanso o termoincapsulamento) in grado di consolidare le fibre di amianto al cemento per evitarne la dispersione nell’ambiente.
    Generalmente il costo dell’incapsulamento è inferiore rispetto alla rimozione, ma solo in casi di grandi superfici in grado, quindi, di far ammortizzare il costo di un apposito cantiere; consigliato, quindi, per piccole superfici, solo se insieme ad altri condomini.
    La seconda soluzione, ovvero quella definitiva, è quella che prevede prima la rimozione e poi lo smaltimento vero e proprio dell’amianto presso discariche accreditate; questo tipo di operazioni devono essere effettuate solo da persone specializzate, in grado di rimuovere correttamente e con le giuste attrezzature le lamiere di eternit e, in seguito, da discariche convenzionate per lo smaltimento delle scorie.
     

 

Consulta le FAQ per aree tematiche

Scegli una lettera:      Indice alfabetico

Avanti      

 
[ Indietro ]

©2008 Provincia di Cosenza - Piazza XV Marzo n.5 - 87100 Cosenza - (tel. 814.1) P.I.: 80003710789

Engineered by Echopress