Provincia di Cosenza - Portale- Home Page

Cosenza - La Provincia per voi

Vai al contenuto

Sei in: Home > vista documento

Rinvenuta dalla Polizia Provinciale la carcassa di un giovane lupo appenninico

INFO:

  • Provincia di Cosenza
    Piazza XV Marzo n.5
    87100 Cosenza
  • Centralino +39 0984 814.1
    Presidenza +39 0984 26800
  • info@provincia.cs.it

Consulta le sezioni dell'Ufficio Stampa

Contenuto Pricipale della Pagina

Home Page

Ambiente - Cosenza, 23/11/2017

Rinvenuta dalla Polizia Provinciale la carcassa di un giovane lupo appenninico

Lieto fine, invece, per un Gufo comune abbattuto dal forte vento

1_Polizia_Provinciale_SILA_Lupo

La carcassa di un giovane Lupo appenninico (Canis lupus italicus) è stata rinvenuta dagli agenti della Polizia Provinciale di Cosenza – Distaccamento di San Giovanni in Fiore – in agro di Casali del Manco, in zona ricadente nel Parco Nazionale della Sila e non distante da San Nicola, lungo la S.S. 107.

La pattuglia, composta dai poliziotti provinciali Gianluca Congi ed Emanuele Scalzo, è stata allertata da alcuni cittadini e da una squadra dell’Anas guidata da Giovanni Ambrosio, imbattutisi nel canide privo di vita, riverso sul terreno proprio a ridosso della banchina stradale.

L’animale è deceduto per una collisione con un automezzo, in transito sulla predetta strada.

Allertato il Comando, sono stati immediatamente avviati i necessari contatti con l’Ente Parco Nazionale della Sila, nella persona del direttore f.f. dott. Giuseppe Luzzi e con il Comandante dell’UTCB – Ufficio Territoriale Carabinieri per la Biodiversità di Cosenza - Tenente Colonnello Gaetano Gorpia.

Grazie alla sinergia istituzionale intercorsa tra il Corpo di Polizia Provinciale, l’Ufficio per la Biodiversità di Cosenza dell’Arma dei Carabinieri e l’Ente Parco Nazionale della Sila, l’animale è stato consegnato in brevissimo tempo a Clemente Pane, in qualità di Capo Squadra degli Operatori dei Carabinieri per la Biodiversità del Centro Natura del Cupone, che ha provveduto a custodirne la carcassa in apposito locale, a disposizione delle autorità per le finalità istituzionali del caso. Il cadavere, difatti, potrebbe essere utilizzato per le indagini genetiche sulla preziosa popolazione di lupi presenti in Sila, che è una delle storiche roccaforti nazionali del raro mammifero; visto l’ottimo stato di conservazione, inoltre, l’esemplare potrebbe essere impiegato per scopi didattici, all’interno delle strutture autorizzate.

Lieto fine, invece, per un Gufo comune abbattuto dal forte vento e salvato dalla pattuglia nel mezzo della carreggiata, nella stessa serata e nel medesimo posto. Il rapace notturno, che a dispetto del nome non è molto diffuso sui rilievi silani, è stato rilasciato con successo dopo una breve osservazione.

La Polizia Provinciale di Cosenza coglie l’occasione per ricordare ai cittadini che l’area in questione è nota per il passaggio di fauna selvatica, anche molto rara e che gli agenti del distaccamento di San Giovanni in Fiore negli ultimi anni vi hanno recuperato un esemplare di Gatto selvatico e una Martora deceduti per investimento. L’invito agli automobilisti è quindi quello della massima prudenza, perché si tratta di animali in via di estinzione che rivestono un ruolo significativo per la biodiversità e per l'ecosistema. Il Lupo appenninico, in particolare, oltre ad essere una specie super protetta dalla legislazione vigente, è il simbolo storico della Sila e del suo Parco Nazionale. Preziosa allegoria della nostra identità.

ultimo aggiornamento:
23/11/2017 13:08 da Rita Benigno
questo articolo é stato letto: 1257 volte

[Indietro]

©2008 Provincia di Cosenza - Piazza XV Marzo n.5 - 87100 Cosenza - (tel. 814.1) P.I.: 80003710789

Engineered by Echopress